Segreti e virtù delle piante: l’Aglio

 

AGLIOAGLIO

Allium Sativum

Pianta– erbacea perenne, può raggiungere gli 80 cm di altezza

Fusto– sotterraneo

Foglie– nastriformi e appuntite di colore verde chiaro

Fiori– bianchi, a sei lobi, riuniti in ombrelle

aglio BULBO

Coltivazione

La pianta ha bisogno di molto sole. I bulbi infatti temono i ristagni d’acqua. Si mettono a dimora in file parallele distanti una trentina di centimetro. Vanno infine ricoperti con circa cinque centimetri di terra ben sciolta.

Raccolta

Si raccoglie quando le sue foglie sono seccate solitamente verso la metà di luglio.

Conservazione

Dopo la raccolta, l’aglio va fatto seccare per una decina di giorni in luogo asciutto e aerato. Si conserva quindi per diversi mesi perdendo solo in minima parte le sue caratteristiche medicamentose.

Proprietà

E’ un ottimo antiossidante e antibiotico naturale.
Può essere utilizzato come vermifugo, combatte l’ipertensione, previene i raffreddori e migliora la memoria.
Gli si attribuiscono molteplici proprietà: le più valide e provate sono quella ipotensiva e quella disinfettante intestinale.
Le preparazioni a base di aglio giovano effettivamente agli individui con alta pressione sanguigna e svolgono un’efficace azione battericida sui microrganismi responsabili delle infezioni intestinali.

Che cosa cura?

Bronchite, foruncoli, ipertensione, raffreddore, reumatismi e stati febbrili.

Contro le punture di insetti

Strofinare sulla puntura di un insetto (zanzare, vespe, api, tafani,..) uno spicchio d’aglio.
Oltre a disinfettare la zona, elimina bruciore e prurito.

Curiosità

Lo sapevate che per attenuare l’odore acre dell’aglio basta masticare qualche foglia di menta, di prezzemolo o un chicco di caffè?

E per l’odore che lascia nelle mani quando lo pulite?  Semplice, basta intingerle nel succo di limone prima di toccarlo.

(FONTE: Le Erbe delle Nonne – segreti e virtù delle piante )

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *