Autroprodurre i germogli

germogli faidate

Mangiare germogli è un piccolo rituale di salute e di bellezza che aiuta persino a digerire meglio.

Il processo di trasformazione dal seme al germoglio migliora notevolmente la qualità nutritiva del prodotto:si ha infatti un incremento considerevole di proteine, fibre e vitamine, i carboidrati sono trasformati in zuccheri semplici e così non causano fastidiosi gonfiori addominali.
I germogli quindi detengono gli stessi pregi nutrizionali dei semi ma molto più sviluppati. Sono ricchi di principi quali enzimi, oligoelementi, vitamine, aminoacidi essenziali, sono facili da digerire, privi di scarti e gustosi.

Conservazione

I germogli vanno tenuti in frigorifero, nel loro contenitore, e si conservano fino ad una settimana.

Come si mangiano

I germogli si prestano a essere consumati crudi in insalata, nelle minestre di verdure o saltati in padella.


COME COLTIVARE I GERMOGLI DI LENTICCHIE

germogli


Proprietà

Se le lenticchie sono note per l’elevato contenuto di proteine e ferro, nei loro germogli questi contenuti nutritivi vengono ulteriormente amplificati in virtù del processo di germinazione.

I germogli di lenticchia hanno infatti un altissimo contenuto proteico (25%).Contengono inoltre molti carboidrati, fibre e fungono da scudo anti-colesterolo.
Sono un’ottima fonte di vitamine C, B1, B2, B6 e di sali minerali come magnesio, zinco ferro, potassio e fosforo.

Come coltivarli

  • Riempire d’acqua un recipiente fino a coprire i semi. Lasciare in ammollo per 24 ore la quantità di lenticchie che si desidera (per 2/4 persone basta 1 tazza colma)

  • Trascorse queste ore, i semi si gonfiano e la pellicina comincia a rompersi. Scolare quindi l’acqua, magari conservandola per berla o per annaffiare le piante (è ricca di vitamine e sali minerali)

  • Posizionare i semi ben distanziati, su un vassoio/piatto di plastica o ceramica e coprire con un panno pulito umido (bagnato e strizzato)

  • I semi inizieranno a germogliare e sarà importante mantenerli umidi, sciacquandoli 2 volte al giorno (mattino e sera) mettendoli in un colino sotto il getto dolce dell’acqua, oppure mantenendo umido lo strofinaccio con un erogatore spray.

  • Irrigare i semi per 4-5 giorni fin quando raggiungono i 4-6 cm.

  • Gustarli crudi o sbollentati in minestre, insalate o tortini


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *