Cosa sono i “prodotti bio”

cibo-biologico

Si sente sempre più parlare di “mangiare bio”…ma che vorrà mai dire?

Si tratta di prodotti alimentari coltivati “biologicamente” che provengono da un sistema di agricoltura naturale, dove non sono ammesse sostanze chimiche di sintesi di nessun genere ma solo elementi naturali, sopratutto recuperati dalla tradizione agricola e nel pieno rispetto dell’ambiente.

Si evitano tecniche di forzatura della crescita, tipiche dell’agricoltura estensiva e industrializzata.

La salute degli animali viene salvaguardata con pratiche di allevamento che rispettino il loro benessere e naturale ciclo di vita e con un nutrimento tutto vegetale e naturale.

I prodotti biologici vengono garantiti dalla certificazione europea che ne assicura il metodo di produzione.

L’obiettivo è di ottenere alimenti privi di residui tossici ed integri nel loro valore nutritivo salvaguardando l’ambiente, il benessere degli animali e la nostra salute.

Il consumo di prodotti biologici sta aumentando in tutto il mondo. Oggi più che mai il consumatore è alla ricerca di sicurezza, spinto dal continuo ripetersi di emergenze alimentari (dal latte cinese alla melamina, ai maiali irlandesi alla diossina, ecc) ma anche dal diffondersi di stili di vita più attenti all’ambiente e al benessere naturale delle persone.

I prodotti bio oltre a mantenere in buona salute coloro che li consumano, hanno un’alta qualità sia dal punto di vista del gusto che della qualità biologica.

Inoltre permettono di proteggere l’ambiente non utilizzando sostanze chimiche inquinanti.

uova

Coltivare biologicamente rappresenta l’agricoltura di domani attraverso
il recupero dei valori della tradizione italiana contadina.

Vuol dire salute e benessere ma anche tutela del territorio e valorizzazione della biodiversità agricola che va custodita preziosamente in opposizione alla moderna tendenza della globalizzazione alimentare che causa purtroppo l’omologazione, rischiando di farci dimenticare il nostro unico patrimonio enogastronomico.

 

 

di  SILVIA COSTARELLA 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *