Lo Zafferano: la spezia dal color dell’oro

semi-di-zafferano

Lo zafferano proviene dagli stimmi, ossia la parte terminale dei pistilli, del fiore di Crocus Sativus, una pianta erbacea bulbosa e perenne originaria dell’Asia. Il Crocus Sativus è un croco a fioritura autunnale caratterizzato da foglie filiformi e da un delicato fiore color lilla.

La coltivazione e l’utilizzo dello zafferano risalgono a più di 4000 anni fa, già gli antichi greci, infatti, ne erano affascinati per le sue proprietà coloranti ed afrodisiache. Nel tempo, per le sue caratteristiche uniche, lo zafferano è stato utilizzato per i fini più vari, ad esempio come condimento, come profumo, come colorante ed anche come medicinale.

Oggi, lo zafferano viene coltivato in Asia minore ed in alcune zone dell’Europa centrale. In Italia la produzione si concentra in particolare in Abruzzo, dove viene prodotto lo zafferano dell’Acquila DOP.

———————————————————————————————————————————————————

QUALI SONO LE PROPRIETA’ DELLO ZAFFERANO?

Grazie al suo elevato contenuto di carotenoidi, vitamina B1 e B2, lo zafferano aiuta a protegge le cellule ed incrementa le difese immunitarie.

Ma ciò che molti non sanno è che questa spezia dal color dell’oro è un potente antitumorale e antiossidante, aiuta il metabolismo dei grassi, delle proteine e dei carboidrati, ed è un toccasana per i disturbi legati ad ansia e stress.

Inoltre lo zafferano ha proprietà digestive ed è utile contro i dolori mestruali.

Ma attenzione, poiché un uso eccessivo di zafferano può portare effetti collaterali quali vertigini ed intossicazioni.

———————————————————————————————————————————————————

 zafferano

COME COLTIVARE LO ZAFFERANO SUL BALCONE?

È possibile coltivare lo zafferano anche sul balcone utilizzando un terreno da fiore o comunque un terreno leggero e permeabile.

Durante il mese di agosto o settembre, basterà interrare i bulbi in fila, molto vicini tra loro, alla profondità di 10-12 cm. Attenzione: hanno bisogno di pochissima acqua e tanto sole!

A fine ottobre, quando spuntano i fiori, staccateli dallo stelo ed estraete i filetti rossi, che andranno poi essiccati prima di poter essere utilizzati. È importante effettuare il raccolto al sorgere del sole, prima che il calice del fiore si apra.

———————————————————————————————————————————————————

Rimedi naturali per il corpo:

DECOTTO CONTRO I DOLORI MESTRUALI

tazza decotto

Ingredienti:

5 g. di zafferano

 2 tazze di acqua

Procedura:

Fate bollire 5g di zafferano in due tazze d’acqua per 10 minuti. Dopodiché lasciate riposare per altri 10 minuti.

Filtrate e bevete a tazzine durante l’arco della giornata cominciando un giorno prima delle mestruazioni e proseguendo per altri 2/3 giorni.

di SIMONA RODELLA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *